Navigation – Plan du site

Dall’appropriazione culturale del territorio all’aggregazione sociale

I periodici della Società degli Alpinisti Tridentini. Annuario (1874 - 1904) e Bollettino (1904 - 2004)
Claudio Ambrosi

Texte intégral

1In questa breve comunicazione verranno sintetizzati i caratteri salienti delle pubblicazioni periodiche pubblicate dalla SAT, la Società degli Alpinisti Tridentini.

2Si tratta di una associazione alpinistica fondata nel 1872 in quella parte del territorio alpino italiano che prima della Grande Guerra si trovava all’interno della monarchia asburgica e più precisamente nell’attuale Trentino. La SAT, tuttora esistente e confluita nel primo dopoguerra nel CAI, il Club Alpino Italiano, si è caratterizzata nel primo periodo della sua storia con le battaglie irredentiste e successivamente, in tempi a noi più vicini come elemento aggregatore all’interno della società trentina.

3Come ricordato nel titolo due sono le pubblicazioni periodiche del Sodalizio : gli Annuari che vengono pubblicati a partire dal 1874 cui segue, dal 1904, il Bollettino. Una felice coincidenza vuole quindi che proprio quest’anno cada il centotrentesimo anniversario dei primi ed il centesimo del secondo : un periodo di tempo molto lungo che a visto queste pubblicazioni mutare nel corso degli anni.

4Gli Annuari sono quindi la prima pubblicazione periodica della SAT. A partire dal 1874 e per 26 successive annate viene pubblicata con periodicità non sempre regolare. Essi rappresentano un caso particolare nel Trentino poiché sono la prima rivista a carattere scientifico-divulgativo che si occupa della illustrazione dell’ambiente naturale trentino, se vogliamo infatti fare un elenco delle tematiche trattate avremo quello che segue : Guide e monografie locali ; Descrizioni geografiche alpine, escursionismo naturalistico ; Ascensioni, attività alpinistica, cronaca sociale e organizzativa ; Tecnica alpinistica ; Geografia generale ; Meteorologia, climatologia ; Glacialismo pleistocenico e contemporaneo ; Pozzi glaciali ; Geologia, petrografia, mineralogia ; Paleontologia ; Speleologia ; Limnologia ; Idrobiologia ; Zoologia ; Botanica ; Micologia ; Paletnologia, antropologia ; Etnografia, folclore, linguistica ; Storia locale ; Statistica ; Protezionismo.

5Si tratta di un panorama molto vasto di interessi che veniva collocato all’interno di ogni singolo Annuario con un identico schema di rubriche numero dopo numero : Studi, Ascensioni ed escursioni, Miscellanea, Bibliografia, Cronaca sociale, Elenco delle guide di montagna (che diverrà poi Salite ed escursioni con le guide), Elenco dei soci e cariche sociali.

6Il gran numero di argomenti corrispondeva anche ad un gran numero di collaboratori spesso anche con orientamenti scientifici diversi, come ad esempio la convivenza di sostenitori della teoria evoluzionista di Darwin e suoi oppositori. La discriminante infatti per pubblicare sugli Annuari risiedeva esclusivamente nel tasso di irredentismo professato da chi scriveva: quasi ogni articolo si poneva come scopo ultimo quello di illustrare scientificamente la regione trentina e di evidenziarne il carattere di italianità. Si trattava di compiere una ampia esplorazione scientifica del Trentino che nella realtà non aveva però come fine ultimo la conoscenza scientifica del territorio ma il desiderio da parte dei soci della SAT di  appropriazione culturale del territorio che offrisse delle chiavi di lettura univoche capaci di rinforzare, o far sbocciare, il senso di appartenenza alle regioni che stavano a sud delle Alpi, all’Italia, in netta contrapposizione con l’ente statale austriaco.

7Nel primo Annuario infatti si dichiarava esplicitamente che esso doveva servire a divulgare l’attività dell’associazione ed in particolare  che «servisse alla nostra gioventù di eccitamento allo studio ed alla illustrazione delle patrie montagne». Il carattere apertamente irredentista della pubblicazione comportò, nel 1876, il sequestro del 3° Annuario ed addirittura lo scioglimento dell’associazione.

8Gli Annuari rivelano chiaramente la peculiare importanza relativa al rapporto con il mondo tedesco: la montagna e la pratica dell’alpinismo si rivelano i « luoghi » privilegiati per uno scontro sul piano politico, che trova le sue radici nella contrapposizione etnica – sviluppatasi tra due modelli di borghesia (trentina e tirolese-tedesca) - riconducibile alle tensioni regionali all’interno della monarchia asburgica e che in Trentino mostreranno un particolare ed esemplare sviluppo : le istanze politiche ed ideali passano, si sviluppano e trovano una concreta espressione nell’agire della SAT, strumento indispensabile per favorire all’interno dell’élite borghese trentina un affiatamento ed una comunione di ideali condivisi. All’interno di questo contesto sono leggibili le modalità di organizzazione e mobilitazione della borghesia trentina in funzione di movimento di lotta nazionale che vede nel caso specifico la « difesa » della propria identità « italiana ».

9Come detto precedentemente la pubblicazione degli annuari termina nel 1904, anno in cui viene pubblicato il 23° volume; le restanti tre annate (24°, 25° e 26°) sono pubblicate tra gli anni venti e trenta ed hanno il carattere di monografia con contenuti e spinte motivazionali completamente diverse data l’enorme diversità di periodo e soprattutto di quadro statale in cui si trova ora ad operare la SAT.

10Questo passaggio risulta più chiaro se osserviamo l’evoluzione del Bollettino della SAT, che proprio a partire dal 1904 subentra a sostituire gli Annuari. In realtà nei primi anni questa nuova forma di comunicazione con i soci segue le identiche tematiche affrontate fino ad allora sugli Annuari solo che gli articoli diventano molto più brevi e con un maggior carattere divulgativo : nell’editoriale del primo numero si afferma infatti che il Bollettino

non si limiterà a rimanersene in un piccolo guscio ed a far parte soltanto dell’accademia ma penserà piuttosto al principio, essere opera doverosa e patriottica il far conoscere prima ai connazionali nostri e poscia ai forestieri, tutte le attrattive di questo lembo di terra italiana.

11 Inutile dire che la scelta del cambio di testata corrisponde ad un allargamento della base sociale dell’associazione che pur essendo nata come club elitario raccogliente in prevalenza la borghesia trentina, in quegli anni, vede l’emergere di nuove figure sociali tanto che sia nella SAT ma anche nel Club Alpino Italiano ci si interroga se le porte di questi club devano aprirsi anche alle classi operaie. A partire dall’inizio del Novecento i soci della SAT che si erano attestati su una media di circa 800/850 soci cominciano a crescere per arrivare pochi anni dopo, nel 1904, a 1.500 e passare quindi ad oltre 3.000 nel 1914. L’associazione si trova quindi nella necessità di avere un organo per tenere collegati tutti i suoi soci dispersi sul territorio e gli Annuari, assolta la loro funzione, si rivelano insufficienti : viene sentita con forza la necessità di portare in primo piano la cronaca della vita sociale del Sodalizio, che non poteva essere comunicata ai soci con cadenza annuale, ma bensì mensile, in modo da permettere una partecipazione più organizzata e capace di indirizzare la propria attività « in contemporanea » su tutto il territorio.

12Particolare risalto viene poi dato alla pratica dell’alpinismo : potrebbe sembrare scontato per una associazione alpinistica ma in questo caso si assiste ad una serie di pressanti inviti rivolti soprattutto ai giovani affinché si organizzino, o vengano aiutati ad organizzarsi per andare a camminare in montagna : testualmente si parla di « escursioni, gite, passeggiate ed ascensioni », cioè si allarga il senso del termine « alpinismo » che non si riferisce più alla pratica dell’arrampicata su roccia o ghiaccio ma assume una connotazione più ampia, più adatta ad accogliere un maggior numero di persone anche se tecnicamente meno preparate. Inizia proprio qui quella mutazione che porterà la Società degli Alpinisti Tridentini ad accogliere al suo interno, tra le fila degli alpinisti, anche le masse degli escursionisti : tale tendenza diverrà più visibile nel primo dopoguerra con la creazione della Sezione operaia della SAT, la SOSAT.

13Tutti questi fattori portano appunto ad un aumento del numero dei soci ed alla conseguente necessità di dotarsi di uno strumento di collegamento più efficiente. Il nuovo Bollettino gode subito di un buon successo : soddisfacente appare la distribuzione e molti sono gli articoli e le segnalazioni che giungono in redazione da parte dei singoli soci. La pubblicazione della rivista prosegue senza intoppi fin nel primo dopoguerra ma con gli anni venti l’associazione deve fare i conti con la nuova situazione venuta a crearsi nel frattempo in Trentino ormai parte del Regno d’Italia.

14Negli anni immediatamente successivi al conflitto si assiste ad un notevole calo dei soci che viene in parte assorbito negli anni seguenti ma che non riesce a ritornare alle quote dell’ante guerra. L’associazione, ora parte, come Sezione, del Club Alpino Italiano, vive un periodo di grave difficoltà determinato in larga misura dal desiderio di mantenere comunque una propria autonomia nei confronti del CAI e non divenire semplicemente una sua Sezione come tante altre. Tale autonomia deve intendersi anche, e in special modo, dal punto di vista finanziario : la SAT infatti non poteva permettersi di versare le quote d’iscrizione dei suoi soci al CAI avendo da affrontare i pressanti problemi finanziari determinati dalle ingenti spese necessarie per la ricostruzione dei rifugi in gran parte distrutti durante la guerra.

15Tutto ciò comporta un drastico taglio a tutte quelle spese che non risultano indispensabili ed una di queste viene considerata anche quella relativa al Bollettino. A partire dal 1924 la sua pubblicazione cessa definitivamente dopo il fallimentare tentativo di portare avanti la testata con il nome Gazzetta del turismo e dello sport: organo ufficiale della Società degli Alpinisti Tridentini.

16Come surrogato di uno strumento d’informazione si ripiega sui quotidiani locali, molto sensibili ed attenti a tutte le attività della SAT ; attenzione che con il procedere degli anni si mostrerà tutt’altro che disinteressata concentrandosi in particolare sugli ampli spazi concessi dal quotidiano Il Brennero che diventerà, nella provincia trentina, organo privilegiato di propaganda fascista.

17La pubblicazione del Bollettino riprenderà solo con il secondo dopoguerra, nel 1946. Si tratta di un avvio stentato che ancora una volta deve fare i conti con pochissimi finanziamenti a disposizione ma che pur con un numero limitato di pagine ed una qualità scadente della carta riesce a mantenere una periodicità mensile : in questi anni il numero dei soci aumenta in maniera considerevole, tanto che la SAT si fraziona in molte sottosezioni dislocate in tutti principali paesi del Trentino. La necessità di mantenere un organo di collegamento con i soci diventa a questo punto irrinunciabile. A partire dagli anni cinquanta la direzione del Bollettino viene affidata a Carlo Colò che fu direttore del già citato quotidiano fascista Il Brennero  e che orienterà molti degli articoli ad una particolare attenzione all’italianità del Trentino e dell’Alto Adige : si tratta di una palese presa di posizione politica che vede l’associazione farsi strumento, come lo fu nel passato fascista, di assimilazione delle popolazioni sudtirolesi in un momento, gli anni sessanta, particolarmente aspro della lotta politica per le richieste avanzate dalla minoranza etnica tedesca in Alto Adige.

18Solo con la metà degli anni sessanta, il cambio di direzione porterà un maggior distacco dalle vicende politiche ed anzi un desiderio di ricucire i rapporti con il mondo tedesco. Inizia in questi anni e si farà sempre più forte, per diventare quasi esclusiva negli anni ottanta, la nuova frontiera su cui si deve misurare la SAT : la tutela dell’ambiente montano. In realtà ormai l’associazione non necessita più di un organo - il periodico perde la cadenza mensile per una quadrimestrale - per tenere vicini i suoi soci sparsi sul territorio e per proporre chiavi di lettura della realtà politica trentina : il Bollettino diventa semplicemente mezzo per far conoscere le molteplici attività portate avanti da una effervescente partecipazione dei soci che arrivano ai giorni nostri a comporre la maggior - per numero e capillarità sul territorio - associazione in Trentino. Il Bollettino quindi si pone come luogo del rispecchiamento, dove il socio della SAT ha modo di mostrarsi attraverso il suo agire sociale, nel suo far parte di un’associazione di volontari che diventa in molte località del Trentino uno dei maggiori e più importanti fattori d’aggregazione sociale laica e di riconoscimento della propria identità alpina.

19[Notre collègue, n’ayant pu, pour des raisons personnelles graves, nous faire parvenir le texte définitif de sa communication, nous avons cepenant décidé, en toute honnêteté, de publier ce résumé. Michel Mestre, Michel Tailland]

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Claudio Ambrosi, « Dall’appropriazione culturale del territorio all’aggregazione sociale », Amnis [En ligne], 1 | 2004, mis en ligne le 01 mars 2004, consulté le 24 avril 2017. URL : http://amnis.revues.org/1065 ; DOI : 10.4000/amnis.1065

Haut de page

Auteur

Claudio Ambrosi

Università di Trento

Haut de page
  • Logo TELEMME - Temps, Espaces, Langages, Europe Méridionale - Méditerranée
  • Logo AMU - Université d’Aix-Marseille
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • Les cahiers de Revues.org